Spesso considerato come il male professionale del nostro secolo, il burnout è regolarmente esaminato nei media, sia al telegiornale, che nei programmi televisivi, alla radio, nei giornali ..

Cosa caratterizza la sindrome da burnout che colpisce così tante persone che lavorano? E soprattutto, qual è la responsabilità del datore di lavoro?

Cos’è il burnout?

Il burnout, o sindrome da burnout, è definito dall’INRS* (Istituto Nazionale Francese per la Ricerca e la Sicurezza per la Prevenzione degli Infortuni e delle Malattie sul Lavoro) come “un insieme di reazioni derivanti da situazioni di stress lavorativo cronico in cui la dimensione dell’impegno è predominante. »

Questa sindrome ha diversi sintomi caratteristici:

  • Esaurimento emotivo: il dipendente soffre di un’intensa stanchezza mentale e di un’incapacità di recupero.
  • Spersonalizzazione: il dipendente non sente più nulla nei confronti di chi lo circonda. I rapporti con gli altri sono disumanizzati e i clienti, i pazienti o gli utenti sono percepiti come oggetti.
  • Una sensazione di mancanza di realizzazione nel proprio lavoro e una svalutazione di se stessi: il dipendente ha l’impressione che il suo lavoro sia inutile, che non sia all’altezza delle aspettative di chi lo circonda.
  • Difficoltà a fare qualsiasi sforzo fisico
  • Mancanza di appetito
  • Mancanza di motivazione
  • Desocizzazione.

Nel senso letterale di “bruciare dall’interno” e “bruciare fuori”, il burnout si riferisce generalmente al progressivo logorio professionale quando c’è un divario troppo grande tra le aspettative dei dipendenti e la realtà del lavoro. Questa sindrome da burnout è la conseguenza dello stress che può essere generato da un sovraccarico di lavoro o da frequenti pressioni temporali, ad esempio per chiudere una pratica. Allo stesso tempo, il dipendente riceve poche o nessuna ricompensa, riceve richieste contrastanti, sperimenta una mancanza di equità e una mancanza di chiarezza negli obiettivi.

Alcuni lavori possono soffrire di un ulteriore sovraccarico emotivo, soprattutto quelli che richiedono un intenso impegno personale.

Quali sono gli obblighi del datore di lavoro in materia di burnout?

Il datore di lavoro ha l’obbligo di garantire la salute e la sicurezza dei dipendenti.

Ha un obbligo di risultato che deriva dall’articolo 4121-1 del Codice del lavoro: “il datore di lavoro prende le misure necessarie per garantire la sicurezza e proteggere la salute fisica e mentale dei lavoratori”.

“Il datore di lavoro adotta le misure necessarie per garantire la sicurezza e proteggere la salute fisica e mentale dei lavoratori”.

Quest’ultimo è quindi tenuto, da un lato, a informare e formare il personale sul burnout tramite e-mail e/o organizzando corsi di formazione. Deve inoltre attuare azioni concrete per preservare la salute mentale del dipendente sul posto di lavoro. Di conseguenza, il datore di lavoro ha l’obbligo di evitare tutti i fattori di stress che generano il burnout.

Deve occuparsi del carico di lavoro dei dipendenti,  organizzando punti settimanali, mensili o annuali per verificare che si sentano bene in azienda.

Altri accordi possono essere messi in atto per mantenere il benessere dei dipendenti, come ad esempio :

  • Il controllo dell’uso degli strumenti informatici, in particolare nel caso del telelavoro
  • L’installazione di sistemi che permettono di rinviare l’invio di e-mail al di fuori dell’orario di lavoro
  • Ricordate al personale che le emergenze vanno affrontate per telefono e non per e-mail (perché è stressante).
  • Controllo dell’orario di lavoro, in particolare mediante un sistema di badge
  • Evitare posizioni che isolano i dipendenti e li mettono in situazioni di stress
  • Facilitare le pause collettive e i momenti conviviali in modo che i dipendenti non si sentano isolati sul lavoro.

Quali sanzioni rischia il datore di lavoro in caso di burnout di uno dei suoi dipendenti?

Se un datore di lavoro non adotta tali misure e uno dei suoi dipendenti è vittima di burnout, il datore di lavoro può essere ritenuto responsabile. Egli può incorrere in pesanti sanzioni ed essere condannato a risarcire il dipendente per colpa grave se era o avrebbe dovuto essere a conoscenza del pericolo in questione, ma non ha fatto nulla per proteggerlo.

Come può un dipendente vittima del burnout garantire i propri diritti?

Il dipendente può innanzitutto avvertire il suo datore di lavoro e le istituzioni rappresentative del personale. Se lo fa, il datore di lavoro ha l’obbligo di reagire al burnout e di mettere in atto le misure necessarie per proteggere i suoi dipendenti.

Una delle prime cose da fare per garantire i suoi diritti è far riconoscere il burnout dalla CPAM come una patologia inerente al lavoro, cioè una malattia professionale o un infortunio sul lavoro.

Il dipendente dovrà quindi dimostrare che la malattia di cui soffre è effettivamente legata al lavoro. A tal fine, il suo medico deve stabilire un’invalidità permanente fino al 25%, che corrisponde a un grave stato depressivo. Successivamente, un Comitato Regionale per il Riconoscimento delle Malattie Professionali (CRRMP) verificherà che esista effettivamente un “legame diretto ed essenziale” tra i sintomi e il lavoro del dipendente che soffre di burnout.

In caso di risposta positiva, il lavoratore può deferire la questione alla sezione sociale del tribunale di grande istanza competente e far riconoscere la cosiddetta colpa grave del suo datore di lavoro, facendo valere il fatto che quest’ultimo è rimasto inattivo quando era a conoscenza del pericolo. In caso di risposta negativa o in aggiunta a questa azione, il lavoratore può deferire la questione al tribunale del lavoro competente per chiedere la risoluzione giudiziale del suo contratto di lavoro o per porre fine allo stress di cui è vittima.

E i danni?

Il caso di burnout è complesso. Tutto dipende infatti dalla sua origine e dalle sue ripercussioni, il che spiega la molteplicità dei possibili ricorsi: contenzioso in materia di previdenza sociale o di diritto del lavoro e contenzioso penale.

L’ammontare dei danni varierà a seconda della giurisdizione e delle conseguenze: un burnout che provoca il suicidio non avrà ovviamente le stesse conseguenze di un burnout che porta a 3-6 mesi di congedo per malattia. In caso di decesso e di riconoscimento di una colpa imperdonabile, l’esito può essere molto grave e il danno particolarmente elevato: l’importo della rendita assegnata ai beneficiari può essere aumentato.

Se il burnout è dovuto a molestie, i rimedi e i danni sono molto diversi da un burnout semplicemente legato al sovraccarico di lavoro e allo stress intenso. L’importo del risarcimento può essere molto più elevato.