In Francia, dal 30 agosto 2021, l’uso del green pass è riservato ad alcuni luoghi o eventi che presentano un rischio elevato di diffusione dell’epidemia, in particolare dove c’è il rischio di assembramenti o di presenza statica di un gran numero di persone. I luoghi od eventi interessati sono:

  • luoghi di attività ricreative;
  • fiere, esposizioni e seminari professionali;
  • luoghi conviviali;
  • trasporto pubblico interregionale;
  • grandi negozi e centri commerciali.
DOMANDE E RISPOSTE

Quali informazioni e documenti può esigere il datore di lavoro dai dipendenti?

I dipendenti dei settori interessati dal green pass devono, durante le ore di apertura al pubblico, presentare il loro green pass, in formato cartaceo o digitale, per recarsi sul loro posto di lavoro.
Solo la presentazione di questo documento può essere richiesta. Il datore di lavoro non può quindi chiedere ad un dipendente informazioni sul suo stato di vaccinazione o sul programma di vaccinazione (ad esempio il numero di dosi, le date delle iniezioni o il tipo di vaccino somministrato), informazioni sulla sua intenzione o meno di vaccinarsi, un certificato di vaccinazione o il risultato di un tampone.

I dipendenti soggetti all’obbligo di vaccinazione devono dimostrare di aver rispettato tale obbligo presentando un certificato di stato di vaccinazione al loro datore di lavoro.

Un dipendente deve sempre esibire il proprio green pass?

In linea di principio, i lavoratori interessati devono presentare sistematicamente il loro green pass per recarsi sul loro posto di lavoro durante le ore di apertura al pubblico.
Tuttavia, per facilitare questo processo, se un dipendente lo desidera e di sua iniziativa, può esibire la prova dello stato di vaccinazione al suo datore di lavoro.
La CNIL ricorda che il lavoratore deve avere cura di rivelare solo la natura del documento (certificato di vaccinazione) e le informazioni secondo le quali il suo programma di vaccinazione è completo, ad esclusione di qualsiasi altro dato presente sul documento. Questa deroga dovrebbe quindi permettere al lavoratore di avere un documento semplificato che lo autorizza a recarsi sul suo posto di lavoro senza dover presentare il suo green pass.

Un datore di lavoro può chiedere ai dipendenti di inviare il loro documento via e-mail o sms?

Dato il divieto di conservare il green pass o la prova dello stato di vaccinazione, l’uso di tali servizi non dovrebbe essere richiesto, anche attraverso l’uso di un indirizzo e-mail di lavoro. Se un documento viene trasmesso in questo modo, il datore di lavoro deve trattarlo e poi cancellarlo.

Il green pass o lo stato di vaccinazione possono essere richiesti al momento dell’assunzione?

No. Il dipendente deve presentare il proprio green pass o il certificato di vaccinazione solo quando inizia a lavorare e si reca sul posto di lavoro. Questo documento non può quindi essere richiesto nella fase di assunzione.

Tuttavia, il datore di lavoro deve informare il candidato di questi obblighi e avvertirlo delle conseguenze che si possono trarre dalla continuazione del rapporto contrattuale per qualsiasi lavoratore che non sia in grado di adempiere a questo obbligo il giorno in cui inizia a lavorare.

Il datore di lavoro può chiedere di presentare il green pass o delle informazioni sullo stato di vaccinazione per accedere al ristorante aziendale?

I ristoranti aziendali non sono coperti dall’obbligo di presentare il green pass. Il green pass non può quindi essere richiesto ai dipendenti che li usano o a quelli che ci lavorano.

Il datore di lavoro può chiedere il green pass prima di un evento o di un viaggio?

No. Il datore di lavoro non deve verificare l’idoneità di un dipendente a recarsi in uno stabilimento, luogo o paese il cui ingresso è condizionato alla presentazione del green pass. Infatti, solo il personale e i servizi autorizzati dei luoghi interessati possono effettuare questo controllo.

Il datore di lavoro può tuttavia avvertire il lavoratore dell’obbligo di presentare il proprio green pass per accedere al luogo in questione o delle condizioni di ingresso nel paese in cui deve recarsi.
Impegnarsi consapevolmente in un’attività professionale soggetta al possesso di un green pass pur sapendo di non soddisfare le condizioni può costituire un comportamento colpevole nei confronti del datore di lavoro.

Negli stabilimenti non interessati dall’obbligo di green pass, il datore di lavoro può chiedere informazioni sullo stato di vaccinazione dei dipendenti?

La risposta è no. Se i dipendenti non sono soggetti alla presentazione del green pass o all’obbligo di vaccinazione, il datore di lavoro non può ricevere alcuna informazione sullo stato di vaccinazione dei suoi dipendenti.

In assenza di un certificato di stato vaccinale, i dipendenti possono presentare un certificato di guarigione o di controindicazione?

Se i dipendenti non hanno un certificato di stato vaccinale, possono presentare un certificato di guarigione o un certificato medico di controindicazione al loro datore di lavoro o inviare questi documenti al medico del lavoro competente.

In quale forma il datore di lavoro può conservare le informazioni sullo stato delle vaccinazioni?

Quando un dipendente presenta il suo certificato di stato di vaccinazione al datore di lavoro, quest’ultimo non deve conservarlo. Solo il risultato della verifica, per esempio sotto forma di “Sì/No”, può essere registrato. Tuttavia, tra il 15 settembre e il 15 ottobre 2021 compreso, la legge prevede un periodo transitorio che permette al dipendente che ha ricevuto una prima dose di vaccino di continuare a lavorare, a condizione che presenti un risultato negativo ad un tampone virologico. Solo durante questo periodo, il datore di lavoro può distinguere tra le persone con un programma di vaccinazione completo e quelle con uno stato temporaneo e che quindi devono essere controllate di nuovo entro un certo periodo.

Queste informazioni possono essere registrate in un file dedicato o nel file personale del dipendente interessato. Inoltre, deve essere conservato in modo sicuro, avendo cura di evitare l’uso di strumenti che potrebbero portare a trasferimenti di dati verso paesi al di fuori dell’Unione Europea.

Per quanto tempo devono essere conservate le informazioni sullo stato di vaccinazione?

Il risultato della verifica può essere conservato fino alla fine dell’obbligo di vaccinazione o fino alla fine del contratto di lavoro della persona interessata.

Chi può accedere alle informazioni sulla verifica dello stato di vaccinazione del dipendente?

L’accesso alle informazioni sulla verifica dello stato di vaccinazione del dipendente dovrebbe essere limitato alle persone autorizzate, ad esempio il dipartimento delle risorse umane.