L’UE e la Gran Bretagna dopo il Brexit: divorziati ma uniti da un “deal”

La firma di un accordo commerciale e di cooperazione tra l’UE e il Regno Unito, dopo il Brexit, ha chiuso il confuso anno 2020.

brexit

brexit

Un testo di oltre 1200 pagine si applicherà provvisoriamente a partire dal 1° gennaio 2021, in attesa del completamento delle procedure necessarie per la sua entrata in vigore.

Qui di seguito sono illustrati i punti principali dell’accordo, a seguito del Brexit, che possono essere di interesse per le imprese.

 

 1. Scambi di merci post Brexit

Il 1° gennaio 2021 il Regno Unito ha lasciato il mercato unico (Brexit) e l’unione doganale dell’UE. Di conseguenza, tale Paese non beneficia più del principio della libera circolazione delle merci.

Tuttavia, al fine di preservare le loro relazioni commerciali, l’UE e il Regno Unito hanno concordato di creare una zona di libero scambio senza dazi doganali, a condizione che i prodotti rispettino le norme stabilite nell’accordo.

Per beneficiare di questo trattamento le imprese dovranno provare che i propri prodotti rispettano completamente le regole sull’origine delle merci previste dall’accordo stesso.

Origine delle merci

L’origine sarà determinata in base alle regole dell’accordo e si tratterà di un’origine preferenziale.

Per facilitare il compito agli operatori, l’accordo sul Brexit consente alle società di auto-dichiarare l’origine delle merci e prevede che esse possono tenere conto non solo dei materiali originari utilizzati, ma anche del fatto che la lavorazione sostanziale è avvenuta nel Regno Unito o nell’Unione Europea .

L’attestazione di origine deve:

  • essere compilata dall’esportatore del bene sulla base di informazioni che dimostrano che il prodotto è originario;
  • può essere indicata su una fattura o su qualsiasi altro documento che descriva il prodotto originario in modo sufficientemente dettagliato da consentirne l’identificazione;
  • è valida per 12 mesi dalla data in cui viene rilasciata;

e può applicarsi a:

  • un’unica spedizione di uno o più prodotti importati;
  • spedizioni multiple di prodotti identici importati entro un periodo che non deve superare i 12 mesi.
brexit

brexit

Formalità doganali

Le formalità doganali sono state ristabilite e pertanto tutti gli scambi commerciali tra l’UE e il Regno Unito devono ora essere oggetto di una dichiarazione doganale (anche quelli esenti da dazi).

Entrambe le parti hanno, pero’, accettato di riconoscere i rispettivi schemi di “Operatore economico autorizzato”.

Cio’ consente agli operatori commerciali che godono di questo status di beneficiare di alcune semplificazioni in termini di sicurezza nelle loro operazioni doganali.

Controlli sanitari sui prodotti

Analogamente, i controlli sanitari e fitosanitari sull’importazione di animali, piante e prodotti di origine animale si applicano ora anche agli scambi tra l’UE e il Regno Unito.

Ciò significa che gli esportatori britannici di tali prodotti dovranno conformarsi a tutti i requisiti di importazione dell’UE e saranno soggetti a controlli ufficiali da parte delle autorità di controllo alle frontiere.

A loro volta, gli esportatori dell’UE dovranno soddisfare tutti i requisiti di importazione del Regno Unito per i prodotti relativi.

Sono stati messi in atto accordi specifici per facilitare il commercio bilaterale e la cooperazione normativa nei settori automobilistico, farmaceutico, chimico, vitivinicolo e dei prodotti agricoli e dell’acquacoltura biologica.

Si noti che le disposizioni dell’Accordo commerciale e di cooperazione non si applicano al commercio di beni tra l’UE e l’Irlanda del Nord, che è disciplinato dal Protocollo sull’Irlanda e l’Irlanda del Nord incluso nell’accordo di recesso.

 

brexit

brexit

2. Regolamentazione dei servizi a seguito del Brexit

Dal 1° gennaio 2021, il Regno Unito non beneficia più dei principi della libera circolazione delle persone, della libera prestazione di servizi e della libertà di stabilimento.

Di conseguenza, i fornitori di servizi del Regno Unito perdono automaticamente il diritto di offrire servizi in tutta l’Unione Europea.

Ciò significa che dovranno rispettare le norme del paese ospitante, in quanto non beneficeranno più del “passaporto europeo”, in base al quale le autorizzazioni rilasciate da uno Stato membro in base alle norme UE danno accesso a tutto il mercato unico dell’UE.

 

In linea con l’Accordo generale sul commercio dei servizi dell’OMC, l’accordo UE-Regno Unito copre un gran numero di settori, tra cui i servizi legali, di revisione contabile, architettonici, di consegna e di telecomunicazione,…

Alcuni servizi sono esclusi dall’ambito di applicazione dell’accordo, vale a dire i servizi pubblici e i servizi di interesse generale, alcuni servizi di trasporto e i servizi audiovisivi.

 

Entrambe le parti hanno assunto impegni in questo settore:

  • accesso illimitato al mercato, in particolare per quanto riguarda il numero di fornitori di servizi che possono fornire un servizio specifico o il valore totale delle transazioni ;
  • non discriminazione tra il Regno Unito e i fornitori di servizi o di servizi europei in situazioni simili; e
  • divieto di requisiti di presenza locale come condizione per la fornitura transfrontaliera di un servizio.

L’accordo include anche una clausola della “nazione più favorita” che prevede che ciascuna parte conceda ai servizi e ai fornitori di servizi dell’altra parte un trattamento non meno favorevole di quello che concede a un paese terzo (ad eccezione del settore dei servizi finanziari).

Punto importante: tutte queste disposizioni sono soggette a numerose eccezioni elencate negli allegati, che variano a seconda del settore o dello Stato membro interessato.

Servizi finanziari post Brexit

L’accordo copre i servizi finanziari nello stesso modo in cui sono generalmente coperti da altri accordi di libero scambio tra l’UE e i paesi terzi.

Nulla nell’accordo impedisce a una parte di adottare o mantenere misure per ragioni di prudenza, come la protezione dell’integrità e della stabilità del sistema finanziario.

 

Servizi legali

Nel settore dei servizi legali, l’UE e i suoi Stati membri, così come il Regno Unito, consentiranno agli avvocati di fornire servizi legali con il loro titolo del “paese d’origine”.

Il diritto dell’UE non è considerato come diritto internazionale, ma come il diritto dello Stato membro in cui gli avvocati dell’UE sono stabiliti o detengono il loro “titolo di origine”.

 

3. Riconoscimento delle qualifiche professionali

Dal 1° gennaio 2021, tutte le questioni relative al riconoscimento delle qualifiche professionali in qualsiasi Stato membro dell’Unione o nel Regno Unito sono disciplinate da norme nazionali, applicabili alle qualifiche dei cittadini di paesi terzi .

Tuttavia, l’accordo prevede un meccanismo in base al quale l’UE e il Regno Unito possono successivamente stabilire, caso per caso e per specifiche professioni, un quadro per il riconoscimento reciproco di determinate qualifiche professionali.

 

4. Viaggi d’affari

Il 1° gennaio 2021 termina la libera circolazione dei cittadini britannici all’interno dell’Unione e dei cittadini dell’UE verso il Regno Unito.

Ciononostante, per quanto riguarda la circolazione delle persone fisiche a fini commerciali, l’UE e il Regno Unito hanno concordato un’ampia gamma di impegni reciproci che facilitano :

  • l’ingresso e il soggiorno temporaneo di persone soggette a trasferimento temporaneo all’interno di un gruppo ;
  • l’ingresso e il soggiorno temporaneo dei visitatori che viaggiano per lavoro per motivi di stabilimento ;
  • l’impiego di persone soggette a un trasferimento temporaneo intragruppo.

 

L’accordo facilita anche la circolazione dei “fornitori di servizi contrattuali” o dei “professionisti indipendenti”. Anche i visitatori d’affari che non forniscono servizi sono autorizzati ad entrare per un breve periodo di tempo per svolgere determinate attività.

 

5. Protezione dei dati personali

Le Parti si impegnano a garantire flussi di dati transfrontalieri e si astengono dall’imporre restrizioni quali il divieto di conservare o elaborare dati nel territorio dell’altra Parte.

L’Accordo non prevede l’adeguatezza reciproca della protezione dei dati personali. Le decisioni sull’adeguatezza saranno prese unilateralmente da ciascuna parte.

Da parte dell’UE, una decisione di adeguatezza per il Regno Unito dovrà certificare che gli standard britannici sono sostanzialmente equivalenti agli standard dell’UE stabiliti nel Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) e nella direttiva 2016/680.

In attesa dell’adozione di tale decisione, è stata trovata una soluzione transitoria che è stata inserita nell’accordo per garantire la stabilità durante questo periodo transitorio.

In concreto, per un periodo massimo supplementare di 6 mesi, ossia fino al 1° luglio 2021, qualsiasi trasferimento di dati verso il Regno Unito continuerà ad avvenire nell’ambito del quadro attuale e non sarà considerato un trasferimento verso un paese terzo, a condizione che si applichi la legislazione britannica sulla protezione dei dati in vigore al 31 dicembre 2020.

In assenza di una decisione di adeguatezza al termine di questo periodo di 6 mesi, qualsiasi divulgazione di dati personali al Regno Unito sarà considerata come un trasferimento di dati verso un paese terzo e richiederà l’adozione di adeguate garanzie come previsto dal GDPR.

 

6. Appalti pubblici

Grazie all’accordo UE-Regno Unito, le aziende dell’UE potranno partecipare su un piano di parità con le aziende britanniche alle gare d’appalto per gli appalti pubblici coperti dall’accordo e viceversa.

Il testo copre, tra l’altro, i servizi alberghieri e di ristorazione, i servizi immobiliari e i servizi educativi.

 

7. Condizioni eque di concorrenza

Data la loro vicinanza geografica e l’interdipendenza economica, l’UE e il Regno Unito hanno assunto impegni precisi per garantire condizioni di concorrenza eque e aperte e per contribuire allo sviluppo sostenibile.

L’accordo prevede che gli standard elevati esistenti nei settori degli aiuti di Stato, della concorrenza, dell’ambiente i non possano essere abbassati in modo da incidere sugli scambi tra le parti.

L’UE e il Regno Unito hanno quindi concordato regole dettagliate, che garantiscono che nessuna delle due parti utilizzi sovvenzioni che distorcono il commercio.

L’accordo contiene inoltre norme e regole specifiche e una dichiarazione politica congiunta in materia fiscale, il cui obiettivo è quello di contribuire alla trasparenza fiscale e di contribuire a combattere l’evasione fiscale.

Inoltre, un’ampia gamma di impegni basati sui precedenti più ambiziosi dell’UE dovrebbe garantire che il commercio sostenga lo sviluppo sostenibile, anche attraverso la cooperazione a livello internazionale.

 

 

8. Regime di sicurezza sociale e visti per soggiorni di breve durata

Coordinamento della sicurezza sociale

Gli Stati membri e il Regno Unito si impegnano a coordinare i loro sistemi di sicurezza sociale conformemente al protocollo sul coordinamento della sicurezza sociale allegato all’accordo. Esso copre i cittadini dell’UE, i cittadini del Regno Unito e di paesi terzi, gli apolidi e i rifugiati, che si trovano in una situazione transfrontaliera al 1° gennaio 2021, che risiedono legalmente nell’UE o nel Regno Unito e la cui situazione in materia di sicurezza sociale non è limitata a un solo paese.

 

La maggior parte delle prestazioni di sicurezza sociale sarà coordinata tra l’UE e il Regno Unito, in modo che i cittadini conservino i loro diritti .

Tuttavia, alcune prestazioni non sono coperte dall’accordo, vale a dire le prestazioni familiari, le cura di lunga durata, la procreazione assistita.

L’accesso a queste prestazioni sarà quindi determinato dalla legislazione nazionale.

L’accordo non stabilisce regole per il distacco di lavoratori britannici nell’UE e viceversa.

È stato concordato in questo settore e come disposizione transitoria che gli Stati membri possono, dopo averne informato la Commissione, chiedere di mantenere il sistema di distacco nella sua forma attuale, per un periodo massimo di 15 anni.

Durante questo periodo, i lavoratori distaccati pagheranno poi i contributi previdenziali nello Stato che li ha distaccati.

 

9. Visti per soggiorni di breve durata

Per quanto riguarda i soggiorni di breve durata, l’UE ha già preso la decisione di consentire, a partire dal 1° gennaio 2021, ai cittadini britannici di effettuare soggiorni senza visto di breve durata fino a 90 giorni su un periodo di 180 giorni.

Il Regno Unito, invece, consente ai cittadini dell’UE di recarsi nel Regno Unito senza visto per soggiorni fino a 6 mesi .